fbpx

A proposito di Halloween: 11 curiosità sulla zucca

qui-eventi-regioni-d-europa-zucca-halloween

La zucca, frutto più famoso di Halloween, è in realtà una verdura! Lo sapevate?

Dopo avervi raccontato dei fatti più incredibili legati alla festività di Halloween e avervi spiegato perché la zucca è diventata un simbolo di Halloween, non potevamo certo non rivelarvi le curiosità più interessanti sulla zucca.

1. Per evitare che le zucche utilizzate come decorazione per Halloween ammuffiscano, vengono spruzzate all’esterno con della lacca per capelli e all’interno con dell’aceto.

2. La parola “zucca” deriva dal latino “cucutia”, e cioè “cocuzza”, un parente lontano della zucca.

3. La zucca è in realtà un frutto, nonostante molti pensino che si tratti di una verdura.

4. I fiori di zucca con cui generalmente ci si riferisce ai fiori della pianta di zucchina, in realtà, sono gli stessi della pianta di zucca. Semplicemente sono meno frequenti sul mercato. La differenza è minima: i fiori di zucchina hanno petali più appuntiti e colore più aranciato dei fiori di zucca, ma sono meno profumati.

5. La zucca veniva coltivata già nel 5000 AC dalle tribù sudamericane, molto prima che gli europei scoprissero il nuovo continente.

6. La “capitale mondiale della zucca” è Morton, nell’Illinois. Sede dell’industria della zucca di Libby.

7. La zucca più grande del mondo risale al 2021 ed è italiana: coltivata nel Chianti, ha un peso di 1.226 kg!

8. La zucca un tempo era considerata un rimedio contro le lentiggini e i morsi di serpente.

9. Esistono circa 800 tipi diversi di zucca ma solo 200 di queste sono edibili.

10. I professionisti della medicina naturale hanno dimostrato che il consumo di semi di zucca riduce il rischio di disturbi alla prostata negli uomini. Questi semi, d’altronde, contengono un alto livello di zinco e la mancanza di zinco è una delle principali cause dei disordini prostatici.

11. Sono necessarie ben 35 zucche per produrre un litro di olio di semi di zucca.

LEGGI ANCHE – Da dove arriva la baguette?

E ANCHE – Le insospettabili origini della paella